(21 impressioni)

In gruppo italiano Bicicletta

Cod. FR079

Francia / Normandia e Bretagna

Da Arromanches a St. Malo

Gli orizzonti sono sconfinati, i sapori intensi. Difficile trovare mezze misure in queste regioni rese affascinanti da una natura forte e da una storia di orgoglio e indipendenza. Pedalare sarà scoprirne ogni giorno un aspetto diverso.
  • Itinerario

    mappa

     Arrivo individuale ad Arromanches.
    Sistemazione in hotel e benvenuto dalle 18.30. Dopo cena, presentazione del percorso.

     

    2° Arromanches – Omaha Beach – Granville (40 km)
    Ad Arromanches pedaliamo sul bordo della falesia a picco sul mare e, marea permettendo, visitiamo i resti dei pontili mobili costruiti dagli alleati. Dal famoso D-Day, questo litorale vide lo sbarco di migliaia di uomini e mezzi che sarebbero poi stati impegnati nelle ultime fasi della seconda guerra mondiale. Lungo il percorso osserviamo così diversi reperti storici tra cui le batterie tedesche presso Longues sur Mer. Pausa pranzo presso Port en Bessin e poi tappa obbligata al Museo e Memoriale dello Sbarco e al cimitero americano. Da qui, trasferimento in bus fino a Granville (circa 80 min) per raggiungere l’hotel.

     

    3° Granville – Mont St. Michel (35 km)
    Pedalando lungo la costa in direzione sud raggiungiamo St. Jean le Thomas. Parcheggiamo le bici e percorriamo il “più bel chilometro di Francia”, un sentiero a picco sul mare con ineguagliabile vista su Mont St. Michel. 
    Nel primo pomeriggio appuntamento con una “Guide de la Baie” che, partendo dalla spiaggia di Genet o da Pointe du Mont Manet ci accompagna a piedi nudi con la bassa marea fino a Mont St. Michel. Vi consigliamo di indossare pantaloncini corti e di portare con voi uno zainetto con un cambio di vestiti, scarpe o sandali e una bottiglietta d’acqua. 
    Per chi non volesse abbandonare la sua fedele bici c’è la possibilità di raggiungere il monastero anche pedalando.

     

    4° Mont St. Michel – Dol – Dinan (60 km)
    Si riparte sui pedali e dopo pochi chilometri: "Digemer Mad Breizh", benvenuti in Bretagna! Nella deliziosa Dol, con la sua imponente cattedrale gotica, incontriamo il più alto menhir della Bretagna. Ci ricorderà quelli visti da bambini nelle pagine di Asterix e Obelix, ed è ancora oggi avvolto da misteriose leggende e superstizioni. In serata arriviamo nella cittadina medievale di Dinan, semplicemente merveilleuse con i suoi bastioni, le strade acciottolate e le impressionanti case a graticcio dalle pareti piegate dal peso dei secoli.

    5° Dinan – Saint Malo (40 km)
    Oggi pedaliamo sull’unica pista ciclabile della zona: costruita lungo la vecchia linea ferrata, ci condurrà fino all’incantevole città di Dinard con le sue scogliere e le signorili residenze d’epoca. Un breve tratto di mare ci separa dalla città-fortezza sul mare di Saint Malo, che raggiungiamo in serata. Importante cittadina marittima, Saint Malo è conosciuta principalmente per essere stata una delle basi dei corsari francesi, nonché patria di Jacques Cartier, scopritore del Canada. Dall'incantevole passeggiata sui bastioni poi avvisteremo l'isolotto dov'è sepolto François-René de Chateaubriand, esiste un posto più Romantico?! 

    6° Saint Malo – Cancale (40 km)
    Risaliamo in sella per percorrere un circuito ad anello che ci porta tra le falesie a strapiombo della Pointe du Grouin e poi nella balneare Cancale, anche se... preparatevi: qui perfino la spiaggia è fatta di ostriche! Questa cittadina portuale, è stata infatti eletta importante “sito del gusto” grazie alle sue rinomate ostriche, da gustare ammirando Mont St. Michel, incastonata proprio al centro di questa baia. Pernottamento nella vivace e mondana Saint Malo.

    7° Saint Malo
    Dopo colazione, saluti e baci.

     

    Per motivi organizzativi, climatici o legati a disposizioni delle autorità locali indipendenti dalla nostra volontà, l’itinerario potrebbe subire modifiche più o meno considerevoli prima e/o durante la vacanza. In caso di deviazioni e/o chiusure di musei, monumenti e siti temporanee impossibili da prevedere al momento della pubblicazione del programma, ci riserviamo il diritto di sostituire la visita con altri luoghi di interesse, anche in loco.

     

     

  • Caratteristiche

    Percorso su strade a basso traffico e in parte su pista ciclabile. A tratti lievemente collinare ma con salite mai più lunghe di 1 o 2 km e pendenze moderate. In alcune tappe ci sono delle salite più intense, ma di lunghezza massima di 300-400 m, da farsi quindi anche a piedi. 

     

    Ogni singolo partecipante deve essere in uno stato di forma psicofisica che gli consenta di poter svolgere e completare l'itinerario della vacanza da lui scelta. In caso contrario, per tutelare l'incolumità del gruppo e del partecipante stesso, l'accompagnatore si riserva il diritto di escluderlo dalle escursioni che riterrà più impegnative.

     

     

  • Come arrivare

    Il nome del primo hotel di pernottamento ad Arromanches vi verrà comunicato nel documento finale qualche giorno prima della partenza. Sarà raggiungibile dalla stazione dei treni di Bayeux in bus o in taxi.

     

    In aereo

    Per raggiungere Arromanches è necessario: volare su Parigi, prendere un treno per Bayeux (ca. 3 ore) e infine un bus per Arromanches (20 min.).

     

    Per evitare scali occorre volare su Parigi, raggiugibile dall’Italia con:

    Easyjet da Venezia, Catania, Milano, Roma, Olbia

    Air France da Venezia, Bologna, Firenze, Napoli, Roma 

    Vueling da Milano, Roma, Firenze

    Transavia da Palermo

    Ryanair da Milano, Venezia, Bari, Palermo, Roma

     

    Chiedeteci un preventivo: ricordatevi che prima si prenota meno si spende!

     

    Da Parigi i treni per Bayeux partono dalla Gare St. Lazare.
    Per raggiungere la Gare St Lazare da uno dei tre aeroporti di Parigi:

    • Aeroporto Parigi Beauvais: autobus di collegamento per Paris Porte Maillot (15€ per persona, ca. 1 ora): www.aeroportbeauvais.com (orari e acquisto biglietti in anticipo). Altrimenti taxi fino alla stazione di Beauvais (12€ tariffa diurna, 15€ notturna, 15 minuti circa) e da lì treno per Parigi (ca. 1h20). Da Port Maillot si raggiunge facilmente la Gare St Lazare con il bus 43 (direzione Gare du Nord), in circa 20 minuti.
    • Aeroporto Parigi Orly: gli autobus Orlybus e le linee Orlyval, Rer B, Rer C vi collegano alla rete metropolitana di Parigi. 
    • Aeroporto Charles de Gaulle: Roissybus, bus 350 e 351 e la Rer B vi collegano alla rete metropolitana.


    Piantine e informazioni sui trasporti pubblici parigini al sito www.ratp.fr 

     

    In treno

    Per chi viaggia in treno, si arriva Parigi e poi da lì prendere un treno per Bayeux, ad Arromanches, infatti, non c’è la stazione dei treni.
    Dall’Italia consigliamo un treno notturno per Parigi, in modo da poter raggiungere Bayeux con calma, il mattino successivo.
    I treni notturni dall’Italia arrivano alla Gare de Lyon, mentre i treni per Bayeux partono solitamente dalla Gare Saint Lazare. Queste due stazioni sono collegate l’una all’altra dalla linea 14 della metropolitana. Per maggiori informazioni sui collegamenti tra le diverse stazioni dei treni parigine consultate il sito www.ratp.fr.

      

    In auto
    A seconda della città di partenza ci sono diversi itinerari per raggiungere Arromanches.Viamichelin.it o altri siti sono disponibili per aiutarvi a calcolare il percorso più breve.
    Attenzione: è obbligatorio avere a disposizione nel veicolo un etilometro funzionante (ne esistono di tipo monouso in commercio).

     

    Parcheggio
    - Parcheggio gratuito al primo hotel per un massimo di 2 auto (da richiedere al momento della prenotazione. Per assegnare i posti si va in ordine temporale di richiesta). Il parcheggio non è custodito. 
    - Parcheggio a Bayeux, di fronte alla stazione si trova un parcheggio gratuito.

    in alternativa vi suggeriamo di parcheggiare l’auto a Dol de Bretagne o a Saint Malo.
    - A Dol de Bretagne: parcheggio gratuito, non custodito, di fronte alla stazione ferroviaria; da qui, si può raggiungere Bayeux in treno (2 ore circa di viaggio; partenze h 09:00, h 15:28, h 19:30; prezzo da € 23 circa).
    - A Saint Malo: parcheggio a pagamento Paul Féval, vicino all'ippodromo in Rue de Triquerville e nei pressi della stazione dei treni. Costa circa 4 € al giorno. Da qui, in treno si può raggiungere Bayeux (3 ore circa di viaggio con cambio a Dol de Bretagne; partenze h 07:50, h 12:47, h 19:10).

     

    Rientro
    Per chi viaggia in treno da Saint-Malo si torna direttamente su Parigi. I treni arrivano alla stazione “Gare Montparnasse”, alcuni diretti, altri con cambio a Rennes; durata del tragitto: 3 ore/3h30; prezzi da 30€ a 90€. Orari: dalle 08:30 alle 18:59 circa.
    Consigliamo vivamente di acquistare con un certo anticipo il biglietto di rientro, in quanto alcuni treni potrebbero essere già completi o avere disponibilità alle sole tariffe di 1°classe, molto più costose. Per informazioni e prezzi www.voyages-sncf.com.

     

    Per chi viaggia in auto e l’ha lasciata ad Arromanches o Bayeux, si vedano le informazioni nella scheda tecnica alla voce “Parcheggi”.
    Per chi invece ha lasciato l’auto a Dol de Bretagne e deve raggiungerla da Saint Malo, ci sono numerosi treni che collegano le due città (durata tragitto 15 minuti; partenze h 07:50, h 09:47, h 12:47, h 14,49, h 16:38, h 17:20, h 18:18, h 19:08, h 19:53, h 20:49; prezzi da € 4,50).

     

     

  • Pernottamento e pasti

    Il tour include 6 pernottamenti in hotel 3/4* in camere singole/doppie/triple con bagni privati. 
    Su richiesta, è possibile prenotare delle notti extra ad inizio e fine tour. Queste non saranno incluse nell’assicurazione medico-bagaglio.

    È possibile che il gruppo venga diviso in due strutture diverse, il più possibile vicine tra di loro.

    Vi ricordiamo che le categorie dell’hotel sono assegnate in base alla classificazione prevista nella nazione ospitante; ci potranno pertanto essere alcune differenze rispetto alla classificazione italiana. Per esempio aria condizionata e ascensore non sono sempre presenti.

    ATTENZIONE: nei rari casi in cui NON si verifichino le condizioni per un abbinamento, a chi viaggia da solo verrà richiesta una quota forfettaria pari al 50% del supplemento singola. Tale supplemento sarà rimborsato in caso si concretizzi in seguito l'effettivo abbinamento.

     

     

  • Bici e accessori

    Le citybike Girolibero sono disponibili nei modelli unisex/donna e uomo, con telaio di diverse misure.

     

    Al momento della prenotazione potete scegliere tra:
    - citybike 27 rapporti Shimano Deore 
    - bici elettriche.
    Tutte le bici hanno:
    - telaio in alluminio, 
    - parafanghi, 
    - portapacchi, 
    - sella comfort in gel, 
    - copertoni anti foratura Schwalbe Marathon, 
    - manopole poggiapalmi 
    - sistema Speed Lyfter.

     

    Accessori
    Le bici sono equipaggiate con:
    - lucchetto; 
    - borsa laterale Ortlieb.

     

    Il casco non è obbligatorio. Purtroppo non è possibile noleggiarlo, ma consigliamo di usarlo sempre.

     

     

  • Materiale informativo

    Alcuni giorni prima della partenza, solo se effettuato il saldo, vi invieremo vai mail il Documento Finale con: 


    - la conferma dell'orario e del luogo di incontro;
    - indirizzi e numeri di telefono utili;
    - nome e numero dell’accompagnatore;
    - eventuali info personalizzate.

     

  • Al vostro fianco

    Accompagnatore Girolibero per tutta la durata del viaggio. I nostri accompagnatori sono persone esperte nel condurre un gruppo in bicicletta e con una formazione dedicata. Sono appassionati viaggiatori e persone intraprendenti, che sanno dare informazioni utili e aiutare in caso di inconvenienti tecnici con la bici.

     

    Durante il viaggio, in caso di necessità, potete contattare il numero:

    • dell’accompagnatore;
    • di emergenza attivo ogni giorno dalle 8:00 alle 20:00.

     

  • 21 Impressioni di viaggio
    • Fiorenza

      Vacanza del 12-18 agosto 2018

      Pubblicazione 29 agosto 2018

      Bella vacanza.
      Per me la prima di questo tipo.
      La consiglio.
    • Marina

      Vacanza del 12-18 agosto 2018

      Pubblicazione 26 agosto 2018

      Bella vacanza che consiglio,percorso sempre misto con salite e discese
    • Patrizia

      Vacanza del 12-18 agosto 2018

      Pubblicazione 24 agosto 2018

      Se ce l’ho fatta io che non vado mai in bici ne’ in palestra c’è la fa chiunque ....... bici assistita ovviamente!!!!!
    • Matteo

      Vacanza del 05-11 agosto 2018

      Pubblicazione 21 agosto 2018

      Uno dei più bei viaggi fatti finora, ottima l'organizzazione, ottimo l'accompagnatore, stupendo il viaggio, mi sono trovato bene con il gruppo....una vacanza che consiglio e che sicuramente ho voglia di rifare.
    • Paolo

      Vacanza del 05-11 agosto 2018

      Pubblicazione 20 agosto 2018

      Viaggio fantastico
    • Lucia

      Vacanza del 29 luglio - 04 agosto 2018

      Pubblicazione 11 agosto 2018

      Eccoci ritornati dalla tanto desiderata Normandia e Bretagna con partenza 29 Luglio. Era da tanto tempo che volevamo fare questo percorso ma il mio compagno mi diceva che non sarei riuscita a superare le varie tappe senza fatica e quindi aspettavamo che fossi più allenata ma nel frattempo stavo diventando vecchia! ebbene si... non solo ce l'ho fatta brillantemente ma non ero nemmeno l'ultimissima del gruppo :-). Premessa a parte, il viaggio è stato bellissimo, le tappe fattibilissime al patto che, come giustamente suggerisce Zeppelin, si abbia un discreto allenamento sulle gambe e sul fondo schiena.
      Cosa dire dei posti.... meravigliosi oltre che emozionanti! non si può non fare un tuffo nel passato mentre si sta visitando una delle spiagge coinvolte nel famoso D-Day, non si può non provare forte emozioni visitando i musei e tutti i luoghi che descrivono minuziosamente lo sbarco in Normandia!
      Con la stessa intensità, ma questa volta per le bellezze, ho vissuto i luoghi visitati in Bretagna... insomma non voglio svelare proprio tutto ma dico a chi mi leggerà che questo è un viaggio che nessuno dovrebbe perdersi, in sella o a piedi!
      Come sempre, impeccabile l'organizzazione da parte di Zeppelin/Girolibero sia per quanto riguarda la gestione e programmazione del viaggio che per quanto riguarda gli accompagnatori. In questo viaggio abbiamo avuto il piacere di conoscere i meravigliosi A&A ovvero Alain e Andrea che ci hanno coccolato per tutto il viaggio. Non ultimo chiaramente il gruppo con i quale ho condiviso questa settimana... alla grande, e li ringrazio tutti!!!! non mi resta che salutare tutto lo staff di Zeppelin e Girolibero e di iniziare a pensare alla prossima vacanza!!

      Lucia&Stefano
    • Alessandro

      Vacanza del 29 luglio - 04 agosto 2018

      Pubblicazione 09 agosto 2018

      non dimenticate la crema solare potente! gli UV non scherzano lassú!
    • Annalisa

      Vacanza del 14-20 agosto 2017

      Pubblicazione 25 agosto 2017

      Vacanza bellissima. Paesaggi fantastici!
    • Vittorio

      Vacanza del 07-13 agosto 2017

      Pubblicazione 19 agosto 2017

      Tutto molto bello, accompagnatori fantastici! Grande anche la condivisione all'interno del gruppo.
    • Claudio

      Vacanza del 07-13 agosto 2017

      Pubblicazione 19 agosto 2017

      Viaggio molto bello dal punto di vista culturale e paesaggistico, uno dei miei più belli effettuati finora!
      Voto:8
    • Mario

      Vacanza del 31 luglio - 06 agosto 2017

      Pubblicazione 17 agosto 2017

      Non pensavo che la Normandia e la Bretagna fossero così interessanti. Storia, paesaggi e buona cucina
    • Susanna

      Vacanza del 31 luglio - 06 agosto 2017

      Pubblicazione 11 agosto 2017

      È stato un viaggi perfetto sotto tutti i punti di vista. Bellezza totale.
    • Daniela

      Vacanza del 24-30 luglio 2017

      Pubblicazione 08 agosto 2017

      Viaggio da non farsi scappare.
    • Maurizio

      Vacanza del 31 luglio - 06 agosto 2016

      Pubblicazione 03 gennaio 2017

      Vacanza piacevole ed interessante.
    • Marco

      Vacanza del 31 luglio - 06 agosto 2016

      Pubblicazione 13 settembre 2016

      Normandia e Bretagna

      È un giro ricco di suggestioni: storiche, artistiche e gastronomiche.
      Le spiagge della Normandia, le tracce degli impressionisti, l'attraversata a piedi della baia di Mont Saint Michel, l'oceano e i tramonti a Saint Malo e (perché no?) l'agneau pré salé e le ostriche sono suggestioni ben vive nella memoria.
      Anche grazie a un accompagnatore di straordinaria disponibilità (Alain), il migliore incontrato in cinque anni di escursioni, e al "tecnico" Nicola.
    • Marcello

      Vacanza del 14-20 agosto 2016

      Pubblicazione 13 settembre 2016

      Esperienza molto positiva
    • Lorena

      Vacanza del 14-20 agosto 2016

      Pubblicazione 12 settembre 2016

      Vacanza meravigliosa per i luoghi, organizzazione e gruppo
    • Roberto

      Vacanza del 14-20 agosto 2016

      Pubblicazione 12 settembre 2016

      Viaggio bellissimo, paesaggi meravigliosi.
    • Martina

      Vacanza del 14-20 agosto 2016

      Pubblicazione 12 settembre 2016

      Esperienza decisamente non bella....direi FANTASTICA!! Voto dieci e lode per la scelta dell'itinerario, paesaggi attraversati, organizzazione perfetta: nota di merito agli accompagnatori, Alain e Nicola che si sono dimostrati davvero molto bravi, disponibili e preparati. Con la passione per il loro lavoro, hanno trasmesso a tutto il gruppo grande entusiasmo e curiosità di scoprire pedalando.

      A dir la verità, una nota negativa da segnalare ce l'ho: è durato troppo poco!!! un paio di giorni in più li avrei fatti proprio volentieri!!
    • ATTENZIONE
      Le seguenti impressioni sono state pubblicate prima del nuovo sistema di rating

      Paola Pinton

      Vacanza del 2004

      ARROMANCHES
      La giornata inizia con un cielo grigio che non promette nulla di buono anche la temperatura lascia molto a desiderare ma noi incuranti di ciò siamo già in sella alle ns. bici diretti a Omaha Beach.
      L’impatto con il paesaggio davanti a noi è notevole. I resti dei pontili che si vedono sia nel bagnasciuga sia in mezzo al mare danno appena un assaggio di ciò che deve essere stato il porto creato appositamente per il D-Day. Il museo che poi visiteremo ci rende pienamente coscienti della meraviglia costruita e della carneficina avvenuta a pochi metri da noi
      Dopo il museo riprendiamo a salire costeggiando la falesia a picco sul mare ed è proprio qui che iniziamo veramente a scatenarci con le foto.
      Arriveremo a Isigny sul Mer verso sera dopo ben 66 km di bici e per alcuni di noi con anche un bonus in più di Km per errata svolta ed e qui presso un’azienda di latticini che andremo all’assalto di una macchina del gelato come lupi affamati costringendo la ragazza che ci serve ad un nuovo rifornimento.

      GRANVILLE-MONT SAINT MICHEL
      Pronti a prendere il bus che ci porterà a Granville ci guardiamo in faccia: il sole che il giorno prima ci è sembrato così avaro ha lasciato il segno su tutti quanti.
      La meta di oggi è Mont Saint Michel. Sappiamo che lo raggiungeremo a piedi. Nicola , il ns. accompagnatore per la maggior parte del viaggio, è molto vago e succinto dicendo semplicemente che la cosa è piaciuta molto al gruppo precedente. Comunque le parole non avrebbero potuto preparaci a ciò che avremo visto e fatto:
      - brevi attese mentre Patrick , la ns. guida, “tasta” il terreno in avanscoperta per poi darci l’ordine di avanzare a ventaglio;
      - guadi da attraversare;
      - sabbie mobili da scoprire e evitare;
      - un “deserto di argilla” su cui camminare e lui, Mont Saint Michel, li avvolto nella foschia della calura che diventa a poco a poco sempre più grande e visibile;
      -cespugli da mangiare, leggende da ascoltare e foto da scattare.
      Il tutto per circa 7/8 Km di passeggiata con il vento come presenza costante e avvolte insistente tanto da farci cercare un pò di riparo dietro ad un compagno.
      La serata poi è altrettanto intensa visto che l’abbazia in tutta la sua bellezza (non per niente la chiamano la Merveille) ci aspetta carica di atmosfere mistiche.

      DINAN
      Lasciamo a malincuore Mont Saint Michel la mattina, quando già si sta riempiendo di turisti. Un’ultimo sguardo e poi un altro ancora, è difficile staccare gli occhi ma si deve andare e così via, tutti in fila, attraversiamo la strada e entriamo in Bretagna.
      Lungo il percorso si unirà a noi Lucio, un altro ciclista-turista-viaggiatore che saluteremo solo all’ora di pranzo sotto un sole cocente che il possente Menhir di Dol non riesce a nascondere.
      Sarà una giornata intera di pedalate; un sali e scendi continuo che culminerà con la salita che ci farà varcare Dinan. Salita che merita ben due asterischi della guida Touring tanto è variopinta di colori e soprattutto così ripida da essere difficoltosa anche fatta a piedi con le bici a seguito.
      Lasciatemelo dire, se invece di biciclette avessimo avuto dei cavalli e invece di pantaloncini e canotta avessimo indossato brache e camicioni saremo potuti piombare improvvisamente nel medioevo.

      DINARD-ST.MALO’
      Il passare del tempo ha un suo scorrere particolare quando sei i vacanza e anche la mattinata a Dinan fugge via velocemente come una musica gradevole all’udito:
      - una toccata e fuga fin sopra alla torre dell’orologio con l’acuto dello spavento per il rintocco del quarto d’ora;
      - un adagio, quasi lento alla chiesa con le vetrate che raccontano la storia della città;
      - una pausa per poter ammirare dall’alto il porto di Dinan;
      - un andante per il minitour tra le sue viuzze e poi nuovamente una fuga alla ricerca di un supermercato.
      Salutiamo Dinan ridiscendendo per la stessa via del ns. arrivo con il rammarico di sapere di aver lasciato tante cose da fare e da vedere.
      Arriviamo a Dinard nel primo pomeriggio. Piccola spiaggia turistica dove mi soffermo a raccogliere un po’ di sabbia da portare con me come ricordo di questa terra.
      Il sole va e viene ma i più coraggiosi si azzardano comunque a fare un bagno.
      Più tardi ci aspetta il battello che ci porterà fino a St. Malo. L’imbarco grazie alla ns. presenza è affollato e la gente ci osserva con quella accondiscendenza tipica dei francesi.
      St. Malò la città corsara ,cinta dalle sue mura ancora oggi belle e forti, appare subito ai ns. occhi vivace e allegra.
      Dopo cena la prima cosa che facciamo è salire immediatamente sulle mura, che sono interamente percorribili, e passeggiando ci gustiamo la visione della città nella sua veste notturna, ancora frizzante e piena di luci per terminare la serata in una “rhumeria” che si presenta come il sottocoperta di una nave pirata con un pizzico di esotico.

      POINT DU GROUIN-CANCALE
      Oggi il gruppo si divide più o meno a metà. Io e Sabina abbiamo optato per le falesie di Point du Gouin non avendo voglia di cimentarci in una attraversata marina verso l’isola di Jersey.
      Non ce ne pentiamo.
      Partiamo con un cielo che questa volta è di un grigio cupo e carico di pioggia che al tempo dei Galli , scusate la mia digressione ma dopo aver visto il menhir questo è il minimo, avrebbe fatto dire loro delle preghiere per il terrore che potesse cadergli sulla testa. Noi alziamo si lo sguardo ma tanto che importa si va lo stesso. Per nostra fortuna il tutto si risolverà con poche gocce. Point du Grouin è una sorpresa che si rivela a noi piano piano a mano a mano che il sole, da principio pallido, torna a splendere con forza e culmina con la visita guidata al “semaphore” tanto gradita quanto inaspettata.
      I nostri ospiti ci mostrano orgogliosi questo “osservatorio” che controlla e dirige il traffico delle navi sia in entrata che in uscita in questo tratto di mare e ci permettono persino di salire fin sopra al terrazzo e di scattare foto a volontà, unico nostro lavoro di questi indimenticabili giorni.
      Rientriamo presto per poter vagabondare liberamente per St. Malò ma non prima di aver rimesso i piedi a mollo e per una di noi anche di fare il bagno.
      E’ il giorno delle divisioni perché anche la sera ci ritroviamo separati in due gruppi. Chi ha optato per una cena a base di pesce e chi invece per una con le crepes. Noi che siamo tra il secondo gruppo finiamo nuovamente sulle mura in un ristorante, che pur di tenerci tutti e dodici, apre la sala al primo piano solo per noi con una finestra che sembra quasi un dipinto con vista sul mare dove possiamo goderci i colori del tramonto.

      E qui finisce il mio racconto perché il giorno dopo sarà quello degli addii e della promessa di ritrovarci quanto prima. Ho tralasciato di proposito di parlare del gruppo ma solo perché è stato splendido come il resto del viaggio. Unico rimpianto è il non aver potuto conoscere tutti un po’ meglio: 28 persone sono proprio tante.

      Ciao, alla prossima.

      Paola Pinton
    • Michele Zanchin & Chiara Ferraro

      Vacanza del 2004

      Il viaggio inizia dove il mare bagna
      Le spiagge dello sbarco degli alleati
      Che dalla follia ci han liberati
      Le nuvole si spalmano sull’orizzonte
      E il salso si appiccica sulle labbra e la fronte
      Il tempo è uggioso ma i campi sono dorati
      Sotto un cannone i cracker sono già sfoderati
      Ad Omaha un esercito di croci tace
      A ricordarci il prezzo di questa pace.
      La Pace di questi posti e il mare silenzioso
      Che appare e scompare in modo meraviglioso.
      Si vocifera di meraviglia e il mio pensiero va al Monte
      Dopo appena due giorni ce lo troviamo di fronte
      Una nebbiolina leggera lo protegge
      Non manca neanche qualche gregge
      La baia a piedi dobbiamo attraversare
      Ma per le bici non ci dobbiamo preoccupare
      Enrico ci sa fare e le carica sul carello
      Intanto una mucca si interroga sul nostro carosello
      Camminiamo, il sole picchia e io divento rosso
      Però a vedere Saint Michel mi sento commosso.
      Ci son le sabbie mobili ma con la guida nessuna paura.
      Patrick si porta appresso una corda che ci rassicura.
      L’arcangelo Michele fa scendere la sera
      Mi domando intanto se la cattedrale è proprio vera
      Il silenzio ci abbraccia in questa desolazione
      Mentre la luna piena mette a fuoco l’emozione
      Non vorremmo più scendere ma ci dobbiamo pur riposare
      Domani un’altra tappa dobbiamo espugnare
      E sta mattina con questo bel sole che si fa?
      Direzione Dinan, ci aspettano Astrerix, Obelix e Falbalà.
      Facciamo lavorare il cambio e la bici mette le ali
      Pedaliamo forte e incontriamo villaggi medievali
      I sorrisi della gente e paesaggi silvani
      Fiumi di case di pietra dipinte di gerani
      Le strade nostro malgrado sono tortuose
      Ed in alcuni casi addirittura faticose
      Ma in gruppo diventiamo tutti amici
      Il vento è dalla nostra parte e ci lucida le bici
      Adesso Nicola verso Saint Malò punta il dito
      Ma il team arancio è già partito
      Insegue il gruppo perché lo deve ripigliare
      “Abbandonare il leader…..non s’ha da fare!”
      Così sul traghetto carichiamo le bici esuberanti
      Ci stringiamo e ci guardiamo:”Siamo in tanti”
      Scorgiamo dal mare una fortificazione
      Ad accoglierci un vecchio galeone
      Siamo agli sgoccioli e le ferie stanno per finire
      Ma prima per Jersey dobbiamo partire.
      C’è un faro sull’isola che abbiamo consumato con le foto.
      Evviva la bici e abbasso la moto.
      La spiaggia è talmente bella da fare paura,
      le barche sono in secca e l’aria è pura.
      Ma le vacanze sono ormai terminate
      Con Zeppelin è volata anche quest’estate
      Dai, non rattristiamoci questo giro è stato una bella conquista
      E in tutto questo viaggio un unico grande protagonista
      Signori e signore scoprite chi c’è sull’altare
      Ma non era ovvio, è lui, il mare.

      Michele Zanchin & Chiara Ferraro
  • 3 Varianti

Dettagli viaggio

 

da 890 €

7 giorni / 6 notti

Formula vacanza

in gruppo italiano

12-24 persone + accompagnatore

 

Date di partenza

ogni domenica dal 21.07 al 18.08.19

 

Quota per persona in doppia

890 € hotel 3/4*

 

Comprende

  • 6 pernottamenti con colazione
  • 2 cene (bevande escluse)
  • trasporto bagagli 
  • mezzo di supporto
  • accompagnatore Girolibero
  • escursione attraverso la baia di Mt. St.Michel
  • biglietto motonave Dinard-St. Malo
  • transfer in bus Omaha Beach-Granville
  • assicurazione medico/bagaglio

 

Non comprende

  • viaggio andata e ritorno
  • bevande ai pasti 
  • pranzi e cene (non comprese)
  • ingressi a musei/monumenti
  • quanto non specificato nella "quota comprende"

 

Supplementi

280 € camera singola

80 € noleggio bici

190 € noleggio bici elettrica

 

Documenti:

per questo tour è sufficiente avere la Carta d’Identità o il Passaporto validi per l’espatrio. Dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale. 

Un po’ catalogo, un po’ quaderno di viaggio: richiedi la tua copia e ricevilo gratis a casa!
Prenota
Prima

Sconto 4%

Prenota 4 mesi prima

Otterrai uno sconto immediato del 4% sulla quota base del viaggio.

Assicurazione inclusa

Prenota 4 mesi prima

E scegli l'assicurazione annullamento Globy Giallo inclusa: la più completa, non la solita polizza base!

Tutto l'anno

Prenota 4 mesi prima

Se prenoti in anticipo sarai sempre premiato, su tutti i viaggi!

Iscriviti alla
newsletter

Ricevi la newsletter! Ogni settimana curiosità, eventi e idee di viaggio.

 

Partecipa al concorso con foto e video della tua vacanza Zeppelin!
payment