(3 impressioni)

In gruppo italiano Viaggiamondo

ET002

Etiopia / Genna, il Natale Copto

Addis Abeba e le chiese di Lalibela

L’Etiopia è prima di tutto un luogo dell’anima, prima della sua natura struggente, delle sue fantastiche Chiese rupestri, dei Castelli e delle sue popolazioni. Qui si fondono la forza indomita del continente africano con le scritture bibliche, la storia con la leggenda, l’architettura con un paesaggio di eccezionale bellezza. Visitarla in occasione di una delle feste copte più importanti, Genna, con le cerimonie, gli addobbi, le processioni e le preghiere... al ritorno avremo sicuramente gli occhi pieni di ricchezza e poesia.
  • Itinerario

    28.12.17 giovedì

    Milano – Addis Abeba

    Incontro all’aeroporto di Milano Malpensa e volo per Addis Abeba.

     

    29.12.17 venerdì

    Addis Abeba

    Arrivo nella leggendaria capitale etiope. Incontriamo la guida locale che ci accompagna all’hotel. Addis Abeba è un melting pot culturale: qui convivono oltre 80 nazionalità diverse, e comunità religiose cristiane, mussulmane ed ebraiche. Venne fondata nel 1886, a 2.500 m d’altezza, da Menelik II ispirato dalla Regina Taytu che ne decise il nome: “il nuovo fiore”, e divenne la capitale del più antico stato a sud del Sahara. Iniziamo la visita della città da uno dei luoghi simbolo di questo viaggio: il Museo Nazionale dell’Etiopia, che conserva i resti di Lucy, l’antica progenitrice ominide vissuta 3,5 milioni di anni fa. Proseguiamo con la Cattedrale di Bete Giorgis, San Giorgio, patrono dell’Etiopia: simbolo religioso ma anche storico visto che venne eretta da Menelik II per commemorare la vittoria di Adua del 1896 sull’Italia. Dopo un pranzo nell’hotel Taitu, il più antico d’Etiopia che nacque proprio per dare ristoro agli stranieri, continuiamo le visite con un bel giro all’Addis Merkato, il più grande mercato d’Africa! Con 7.000 attività commerciali è il luogo perfetto per conoscere l’artigianato etiope e ammirare la Moschea Al-Anwar e la Cattedrale della Santissima Trinità, che sorgono qui. Rientro in serata in hotel per il pernottamento.

     

    30.12.17 sabato

    Addis Abeba – Axum

    Partenza al mattino per l’aeroporto di Addis Abeba dove ci aspetta l’aereo per Axum. Secondo le leggende narrate nel Kebre Nagast (il Libro dei Re) nel X secolo a.C. era il luogo di residenza della mitica Regina di Saba, e dove il figlio della regina e di re Salomone portò l'Arca dell'Alleanza, che ancora oggi viene custodita in un santuario. La città fu la capitale del lungo regno axumita, uno dei più antichi regni africani, e crocevia fondamentale fra Asia e Africa per quasi un millennio. Avremo modo di vedere le enormi steli, i monoliti di granito pre-cristiani decorati con incisioni simboliche, le necropoli finemente decorate di re Keleb e di suo figlio e il museo che conserva una raccolta di iscrizioni in lingua sabea e ge’ez risalenti anche a 2500 anni fa. Visitiamo la Chiesa di Santa Maria di Zion, splendido esempio di architettura tradizionale, all’interno della quale ci sono interessanti affreschi e la cappella dove viene gelosamente custodita la famosa Arca dell’Alleanza (non è consentito l’accesso). Infine il Bagno della Regina Saba: un’ampia vasca, a quanto sembra, non utilizzata per fare il bagno ma solamente come risorsa idrica. In serata rientriamo in hotel dove pernottiamo.

     

    31.12.17 domenica

    Axum – Debark

    Sveglia di buonora per intraprendere una strada di montagna che verso il Parco Nazionale dei Monti Semièn, attraverso un percorso con grandi panorami sulla valle dello Shirè. È un susseguirsi di ripide discese e vertiginose salite fino al ponte di ferro sul fiume Tacazzè, sul cui versante opposto ammiriamo gli alberi d'incenso. Arrivo a Debark nel tardo pomeriggio e sistemazione in hotel.

     

    1.01.18 lunedì

    Debark – Parco Nazionale dei Monti Semièn – Kossoye

    Dedichiamo l’intera giornata alla scoperta del parco dei monti Semièn, “Nord” in amarico: si tratta di un enorme massiccio vulcanico, eroso dalla pioggia e dai fiumi. Da Debark, la cittadina all’entrata del Parco, impiegheremo circa un’ora di macchina per raggiungere il Simien Lodge. Iniziamo da qui una camminata di circa 30 minuti che ci porta nelle terre dei babbuini Gelada, con un po’ di fortuna avvisteremo qualche colonia! Breve transfer in macchina, e riprendiamo il cammino verso uno dei punti piu’ panoramici del parco: le altissime cascate di Jimbar. Con un po’ di tempo a disposizione, con un breve transfer possiamo proseguire per Chenek e le grandi vette di Imet Gogo e Bwai popolate dai nyala di montagna, un’antilope dalle corna a spirale. Questa giornata è un tuffo in una natura nella sua massima espressione. Arriveremo a Kossoye a fine giornata, dove alloggeremo in un bell’eco lodge.

     

    2.01.18 martedì

    Kossoye – Gondar

    In mattinata transfer per Gondar e poi visita della città dei castelli, la Camelot d’Africa. Nel XVII secolo i re d’Etiopia della dinastia dei Fasilladas scelsero proprio Gondar come prima capitale dell’impero etiope, che ebbe inizio nel 1632: qui si possono ammirare una dozzina di castelli costruiti da diversi imperatori nell’arco di 236 anni. Sembra un pezzo d’Europa trasferito in Etiopia e riflette influenze islamiche ed europee. Visitiamo il Recinto Imperiale, con i suoi castelli reali circondati da alte mura e dichiarato patrimonio dell’Umanità dall’Unesco; il Palazzo di Fasiladas, il castello più antico e spettacolare che si eleva per 32 m con un parapetto merlato e quattro torrette a cupola. Proseguiamo poi le visite con la Chiesa di Debre Berhan Selassie, situata sulla sommità di una collina e circondata da mura fortificate. Le ultime visite della giornata sono ai  Bagni di re Fasilidas: un affascinante, piccolo palazzo costruito in mezzo ad una piscina (tenuta vuota per tutto l’anno e riempita solo per la festa di Timkat, Epifania etiope) sul cui perimetro si innalzano alberi plurisecolari e al complesso monastico di Kusquam, dove si ritirò la saggia regina Mentwab, amica dell'esploratore scozzese James Bruce. In serata rientriamo in hotel dove pernottiamo.

     

    3.01.18 mercoledì

    Gondar – Bahir Dar

    Dopo colazione partiamo per Bahir Dar dove arriveremo per pranzo. Bahir Dar, ossia “la porta del mare”, è una piacevole cittadina sulle sponde del lago Tana dove si trova la sorgente del Nilo Azzurro. La giornata sarà dedicata alla navigazione sul Lago Tana, ricco di chiese e monasteri di grande interesse storico; le isole del lago sono anche coperte da una rigogliosa vegetazione tropicale e piantagioni di caffè. Il lago infatti è disseminato da 37 isolette sulle quali si trovano chiese e monasteri, riconosciuti come Patrimonio dell’Unesco. Nella penisola Zeghè, dove abbondano le piantagioni di caffé, si visita la chiesa di Beta Maryam e alla fine la grande Ura Khidane Meret, il cui splendido santuario è decorato con affreschi, un vero compendio dell'iconografia religiosa etiope. Verso sera rientriamo a Bahir Dar dove ceniamo e pernottiamo.

     

    4.01.18 giovedì

    Bahir Dar – Lalibela

    Dopo colazione trasferimento via terra a Lalibela. La strada panoramica attraversa la campagna tipica dell’altipiano, abitato dalla popolazione Amhara che qui si dedica all’agricoltura e all’allevamento. Con una piccola deviazione raggiungiamo la tribù di Auramba, una comunità autogestita su base solidale.

     

    5.01.18 venerdì

    Lalibela

    Il grande spettacolo della città santa: 11 chiese rupestri scolpite, nel più profondo Medioevo, nel macigno dell’altopiano etiopico. Lalibela è la Gerusalemme d’Africa, luogo di pellegrinaggi infiniti, centro della fede del mondo ortodosso africano. E’ un complesso rupestre imponente, un labirinto di chiese, tunnel, passaggi sotterranei: chi ha costruito Lalibela voleva davvero riprodurre i luoghi più santi del cristianesimo. Splendide le basiliche di MedaneAlem, di Beta Giorgys e di Beta Emanuel. Impressionanti le sue architetture, misteriose le sue leggende. Iniziamo la visita del complesso delle chiese rupestri collegate da un dedalo di gallerie, costruite durante il regno del re di Lalibela e degli altri sovrani della dinastia Zagwe, nel XII sec. La possente chiesa di MedhaneAlem, la piccola e venerata Beta Maryam, le cappelle rupestri Beta Dangal e Maskal costituiscono, assieme alle chiesa gemelle Beta Mikael e Beta Golgotha ed all'inaccessibile Cappella della Trinità, il complesso del gruppo settentrionale. Il letto di un torrente, scavato nella roccia e ribattezzato Fiume Giordano, separa queste chiese dal gruppo meridionale: la basilica di Beta Gabriel e Rafael, Beta Mercurios, la minuscola cappella Beta Lehem, la monolitica Beta Emanuel, di stile axumita, ed il santuario ipogeo Beta Abba Libanos. Poco distante, isolata, sta la chiesa più bella, Beta Giorgis, la più fotografata. Durante la giornata avremo modo di visitare anche il villaggio e il mercato.

     

    6.01.18 sabato

    Lalibela

    In mattinata visitiamo la chiesa di YemirhanaKristos. Camminiamo lungo un sentiero immerso nell’ecosistema afro alpino fino a raggiungere la chiesa. Sorge dentro una vasta caverna e si dice che sia stata costruita dal Re Imrahana, il cui nome significa ‘che Cristo ci guidi’. 

    Le sue dimensioni e l’atmosfera mistica provocata dai giochi di luce e oscurità ne fanno un’esperienza straordinaria. Tutte le pareti esterne sono abbellite da splendide finestre di legno e marmo accuratamente cesellate con disegni sempre variati. L’interno e’ perfettamente decorato con elementi geometrici e figure simboliche, in particolare animali. In serata potremo toccare con mano il misticismo di questo paese assistendo alle processioni per la festa del Natale etiope, che cade il 7 Gennaio di ogni anno: il calendario copto infatti è formato da 12 mesi di 30 giorni ciascuno, e il 7.01 è l’ultimo giorno del mese di “kiahk”, che segna la fine di un periodo di 40 giorni di astensione da carne, uova e formaggi. Il fulcro della festa del Natale copto è la messa di mezzanotte, che sancisce proprio la fine del periodo di digiuno. Nel giorno santo, infatti, si riceve una candela da accendere una volta entrati in chiesa: dopo averla illuminata, è usanza fare il giro dell'edificio tre volte prima di assistere alla messa, che può durare anche 3 ore. I festeggiamenti poi proseguono in famiglia, con la tradizionale consegna dei doni ai bambini, la cena di Natale in cui viene servito il piatto tipico a base di pane, riso, aglio e carne bollita o il classico stufato di pollo piccante. La notte prosegue tra canti, balli, giochi e entusiasmanti partite di Ganna, simile all’hockey.

     

    7.01.18 domenica

    Lalibela 

    Mentre i fedeli proseguono i festeggiamenti in famiglia, noi andremo a festeggiare nel pianoro di Hudad. Partiamo in bus da Lalibela dopo colazione e, con una camminata di circa 40 minuti  raggiungiamo il pianoro, situato a circa 3000 m. È un luogo circondato da bellissime valli: da qui potremo ammirare un panorama spettacolare. Se saremo fortunati, sarà anche possibile avvistare i babuini Gelada. Pranzo presso il lodge di Hudad e ritorno nel pomeriggio a Lalibela. Cena e pernottamento in hotel. 

     

    8.01.18 lunedì

    Lalibela – Addis Abeba

    Volo per Addis Abeba al mattino e arrivo all’ora di pranzo. Pomeriggio libero di shopping e in serata ci attende una cena tradizionale. In tempo utile, trasferimento in aeroporto per il volo internazionale di rientro in Italia.

     

    9.01.18 martedì

    Addis Abeba – Milano 

    Lasciamo l’Etiopia per fare ritorno a Milano Malpensa, dove arriviamo di prima mattina.

     

    Nonostante la nostra intenzione sia di rispettare il programma indicato, per motivi organizzativi o climatici l’itinerario potrebbe subire qualche lieve modifica, anche in loco. In caso di chiusure di musei, monumenti e siti non prevedibili al momento della pubblicazione del presente programma, ci riserviamo il diritto di sostituire la visita con altri luoghi di interesse, anche in loco.

     

  • Operativo voli

    Voli di linea Ethiopian Airlines

     

    28.12.17 ET 0703  Milano Malpensa - Addis Abeba 20:20 - 06:40*

    30.12.17 ET 0128  Addis Abeba - Axum                   08:00 - 09:30

     

    08.01.18 ET 0161  Lalibela - Addis Abeba                11:05 - 13:40 

    09.01.18 ET 0702  Addis Abeba - Milano Malpensa 00:10 - 07:10 

     

    * del giorno dopo

     

    N.B.: i voli indicati potrebbero subire variazioni

     

  • Caratteristiche

    FACILE. Gli spostamenti sono effettuati con un minibus privato o con voli interni. Le strade possono essere sia asfaltate che in terra battuta e il livello di manutenzione è basso. 

    I trekking a piedi si svolgono su percorsi facili e medio-facili (T e T/E) con tempi di percorrenza tra i 20 minuti e le 4 ore. L’unico trekking di difficoltà media è facoltativo. Nessuna vaccinazione obbligatoria.

     

  • Come arrivare

    Ritrovo in aeroporto almeno 2 ore prima della partenza.

     

  • Pernottamento e pasti

    10 pernottamenti in hotel 4* ad Addis Abeba e 3* nelle altre località, in camere doppie con bagno. La categoria alberghiera non sempre corrisponde agli standard europei, soprattutto fuori Addis Abeba. È inclusa la pensione completa con bevande non alcoliche (acqua o bibita non gassata).

     

    ATTENZIONE: nei rari casi in cui non si verifichino le condizioni per un abbinamento, a chi viaggia da solo verrà richiesta una quota forfettaria pari al 50% del supplemento singola. Tale supplemento sarà rimborsato in caso si concretizzi in seguito l'effettivo abbinamento.

     

  • Materiale informativo

    Dopo aver ricevuto il saldo, alcuni giorni prima della partenza, invieremo tramite email a tutti i partecipanti il documento finale con la riconferma dell'orario e del luogo di incontro, indirizzi e numeri di telefono utili, nome e numero dell’accompagnatore, e eventuali info personalizzate. Se a due giorni dalla partenza non l’avete ancora ricevuto chiamateci!

     

  • Al vostro fianco

    Accompagnatore Zeppelin (con un minimo di 10 iscritti) e guida locale parlante italiano per tutta la durata del viaggio. Vi ricordiamo che i nostri accompagnatori non sono guide turistiche-culturali né animatori da villaggio, ma hanno piuttosto la funzione di coordinare il gruppo e guidarlo lungo il tragitto, qualche volta aiutati da un “locale”. Alcuni sono professionisti, altri lo fanno semplicemente per passione, ma in entrambi i casi il comune denominatore è la buona conoscenza di una lingua e sapersela cavare in “quasi” ogni situazione. Oltre ad accompagnarci, sono persone intraprendenti che non disdegnano varianti al programma e che sanno darci consigli utili.

     

    Per tutta la durata del viaggio avrete a disposizione due numeri da contattare in caso di necessità: il nostro numero di emergenza in Italia ATTIVO OGNI GIORNO DALLE 8:00 ALLE 20:00 e quello dell’accompagnatore.

  • 3 Impressioni di viaggio
    • Anna Maria

      Vacanza del 30 dicembre 2016 - 09 gennaio 2017

      Pubblicazione 23 gennaio 2017

      Bellissimo viaggio, molto interessante e la guida locale preparatissima disponibile e discreta. Ha colto i nostri limiti nel fare i trekking e ci ha offerto delle alternative validissime
    • Irene

      Vacanza del 30 dicembre 2016 - 09 gennaio 2017

      Pubblicazione 20 gennaio 2017

      Il viaggio è stato bellissimo, la guida perfetta come pure l'accompagnatore. Per i futuri viaggiatori suggerisco al ritorno ad Addis Abeba la visita ad almeno un altro museo perché altrimenti, a parte il Museo nazionale che si visita all'andata, la tappa in città risulta solo "tecnica" per prendere il volo di ritorno.
      Suggerisco inoltre durante i lunghi spostamenti in bus di fare ogni tanto una pausa caffe nei villaggi per aver modi entrare in contatto con le popolazioni di questo Paese magnifico.
    • Rosa

      Vacanza del 30 dicembre 2016 - 09 gennaio 2017

      Pubblicazione 18 gennaio 2017

      L'Etiopia e' un paese che unisce storia, cultura e bellezze naturali di grande varietà'. Dopo il primo viaggio viene voglia di tornare per scoprire anche le altre zone!

Dettagli viaggio

 

da 2.490 €

13 gg, pensione completa e voli inclusi (tasse escluse)

Formula vacanza:

in gruppo italiano

 

Data di partenza:

dal 28.12.17 al 9.01.18

 

Quota per persona in doppia:

2.490 € + tasse aeroportuali

 

Comprende:

  • volo di linea Ethiopian Airlines
  • 2 voli interni di linea con Ethiopian Airlines
  • 10 pernottamenti in camera doppia 
  • tutti i pasti con acqua minerale o bibita non gassata
  • trasferimenti in bus privato
  • ingressi nelle chiese e ai musei
  • traversata del lago Tana in barca 
  • guida locale parlante italiano
  • accompagnatore dall’Italia con minimo 12 partecipanti
  • assicurazione medico-bagaglio

 

Non comprende:

  • tasse aeroportuali (310 €)
  • bevande alcoliche
  • mance
  • ingressi per videocamera, extra e quanto non indicato ne “la quota comprende”

 

Supplementi:

250 € camera singola (escluse le notti a Lalibela, dove non è possibile avere la camera singola in occasione del Genna)

 

Documenti:

Passaporto con validità residua di 6 mesi all’arrivo in Etiopia e visto turistico, che si potrà ottenere in aeroporto ad Addis Abeba al costo di 50 $ pagabili anche in Euro.

Iscriviti alla
newsletter

Per essere sempre informato sui nostri viaggi e iniziative!

 

Partecipa al nostro concorso con le foto o il racconto della tua vacanza Zeppelin!

 

payment